Locusta la prima avvelenatrice seriale

Locusta la prima avvelenatrice seriale

Locusta, la prima avvelenatrice seriale .Lucusta o Locusta. Questo era il nome con cui era conosciuta a Roma questa donna massima esperta in veleni all’epoca della Gens Iulia. Locusta era una donna schiava di origine gallica portata a Roma al seguito dell’esercito reduce dalle Gallie. Secondo altri era invece la collaboratrice di un medico di origine orientale. Come che sia, Locusta era una grande esperta di veleni ricavati da piante e radici che aveva provato in minime dosi non letali…

Leggi tutto Leggi tutto

Quattro streghe si aggirano per l’Esquilino

Quattro streghe si aggirano per l’Esquilino

Le Streghe dell’Esquilino Eccole vagare fameliche, in una notte di luna piena, tra la Basilica di S.Martino ai Monti , via Giovanni Lanza, via dello Statuto, e lungo lo sterminato Campus Esquilinus, ovvero la parte nord di Piazza Vittorio, tra via Carlo Alberto, la Porta Esquilina e via Napoleone III, tra ossa biancheggianti insepolte, carcasse di animali, tumuli e fosse con corpi in decomposizione tra bande di cani randagi in un fetore insopportabile. Il Campus Esquilinus era il più antico e…

Leggi tutto Leggi tutto

Il Tempio di Bellona al Campo Marzio

Il Tempio di Bellona al Campo Marzio

Tempio di Bellona Situato ad est del basamento del Tempio di Apollo Sosiano, nella zona meridionale del Campo Marzio, a pochi metri dal Teatro di Marcello, si trova il basamento del Santuario della Dea Bellona costruito da Appio Claudio Cieco a partire dal 296 a.C., dopo una vittoria sugli Etruschi. Appio Claudio Cieco nobile appartenente alla Gens Claudia, cieco in quanto accecato dagli dei per aver ceduto allo Stato Romano il diritto di officiare al culto di Ercole al posto…

Leggi tutto Leggi tutto

Non solo Sciamani: Italo Americani diventati poi famosi

Non solo Sciamani: Italo Americani diventati poi famosi

Italo Americani diventati famosi   In tempi di Sciamani, scopriamo come altre migliaia di Italo Americani prima di lui abbiano lasciato un ricordo, nel bene o nel male nella società americana nei primi due secoli di migrazione Dopo l’inferno, le umiliazioni sopportate dalla prima generazione di emigranti in USA per farsi accettare da una società che offriva molto ma non a tutti, pian piano con le seconde, terze e quarte generazioni si è riusciti finalmente in questa impresa,  anche se…

Leggi tutto Leggi tutto

Area sacra di S.Omobono

Area sacra di S.Omobono

E’ un’area sacra posta all’angolo tra il Vico Jugario e l’odierna via Petroselli dove sono stati trovati i resti di due antichissimi templi arcaici.

Il Tempio di Minerva Medica a Roma

Il Tempio di Minerva Medica a Roma

Tempio di Minerva Medica A questo nome, con cui è normalmente conosciuto ai nostri giorni questo iconico monumento del IV secolo d.C. eretto sul colle Esquilino, converrebbe anteporre un “cosiddetto”, vistane l’origine totalmente di fantasia, inventato e attribuitogli dall’ architetto Pirro Ligorio nel XVI secolo. L’equivoco nacque in quanto si era saputo che nei suoi pressi era stata rinvenuta una statua della Dea Minerva con un serpente attorcigliato ai suoi piedi che rimandava al semidio greco Asclepio (Esculapio in latino),…

Leggi tutto Leggi tutto

Felicissimus ovvero la rivolta dei monetieri

Felicissimus ovvero la rivolta dei monetieri

Felicissimus, chi era costui? A parte una omonimia con un Pater di un Mitreo di Ostia Antica, questo signore, forse uno schiavo, capeggiò a Roma una pericolosa rivolta che finì nel sangue, sotto l’Imperatore Aureliano. E’ un episodio poco noto, tramandatoci dalla Historia Augusta e da Zosimo nella Storia Nuova. Felicissimus era il capo (rationalis) della Zecca di Roma (con le sue officine), sotto l’Imperatore Aureliano. Secondo le parole sprezzanti di Aureliano, Felicissimus era l’ultimo dei suoi schiavi, ma sembra…

Leggi tutto Leggi tutto

Acquedotto Vergine

Acquedotto Vergine

Acquedotto Vergine è l’unico tra gli antichi Acquedotti rimasto ancora in funzione a Roma. L’Acquedotto fu terminato nel 19 a.C. dal generale e genero di Augusto, Marco Vipsanio Agrippa e costruito con l’intento primario di alimentare le sue Terme al Campo Marzio, dove costruì anche il Pantheon. Le Terme di Agrippa furono le più antiche Terme pubbliche di Roma e si trovavano nella zona compresa tra Largo Argentina, e Via di Santa Chiara. La costruzione delle Terme iniziò nel 25…

Leggi tutto Leggi tutto

Le Mura Serviane di Roma

Le Mura Serviane di Roma

  Mura Serviane : con questo nome è conosciuta la più antica cinta muraria di Roma di cui ancora sono visibili alcuni resti in varie parti della città. La costruzione di queste mura, secondo la leggenda, risalirebbe al VI secolo a.C. e vengono  tradizionalmente attribuite a Servio Tullio, sesto re di Roma di origini etrusche e secondo autori etruschi, Servio Tullio era stato un personaggio di nome Mastarna. In realtà le tracce ancora visibili di queste mura, risalgono ad un…

Leggi tutto Leggi tutto

Chiesa di S.Bibiana

Chiesa di S.Bibiana

Chiesa di S.Bibiana . Ci troviamo nel Rione XV Esquilino a poca distanza da Piazza Vittorio  e dalla Porta Tiburtina a ridosso delle Mura Aureliane, in via Giolitti,154. La Chiesa di S.Bibiana o Viviana si trova oggi ristretta (come anche il Tempio di Minerva Medica posto a qualche centinaio di metri di distanza) tra i fasci di binari della Stazione Termini e quelli del treno a scartamento ridotto della linea Roma-Giardinetti. La chiesa è diventata di difficile accesso, specie per…

Leggi tutto Leggi tutto

Emigrazione italiana in Venezuela

Emigrazione italiana in Venezuela

Emigrazione italiana in Venezuela . Il Venezuela rappresentò il terzo Paese in ordine di preferenza per gli emigranti italiani in cerca di fortuna in Sud America. A differenza delle precedenti migrazione di fine ‘800 e inizi del ‘900, questa terza ondata di migrazione di massa si verificò per la maggior parte nel secondo dopoguerra e fino agli anni ’70 del secolo scorso anche se già dalla fine dell’800 esisteva una linea di navigazione tra Genova e La Guaira (porto di…

Leggi tutto Leggi tutto

Emigrazione italiana in Brasile

Emigrazione italiana in Brasile

  Emigrazione italiana in Brasile L’emigrazione italiana in Sudamerica che si sviluppò nel tardo ‘800 e proseguì fino agli anni cinquanta del secolo scorso, si indirizzò principalmente in Argentina, Brasile ed Uruguay e, molto più tardi nel Venezuela. Fin dai primi anni del 1800 ci si era resi conto che gli immensi territori americani avevano bisogno di numerosa manodopera a basso costo che potesse sfruttarli adeguatamente. La maggioranza degli emigranti europei si stabilì in Argentina ma, una quota molto importante…

Leggi tutto Leggi tutto

Il ritorno di Eurisace

Il ritorno di Eurisace

Dopo un lungo restauro da parte della Sovrintendenza capitolina, un nuovo allestimento alla Centrale Montemartini, mostra al pubblico, a partire dal primo marzo 2019, il rilievo dei coniugi Eurisace (o Eurysace) e l’amata moglie Atistia. Insieme al grande gruppo marmoreo dei coniugi, viene esposta una epigrafe con la           dedica di Eurisace alla moglie e, ai piedi   è collocata  una cesta con il pane prodotto nel forno.   Di fronte al gruppo marmoreo viene esposta la ricostruzione…

Leggi tutto Leggi tutto

I sotterranei di San Martino ai Monti

I sotterranei di San Martino ai Monti

SS. Silvestro e Martino ai Monti Ci troviamo sulle pendici settentrionali del colle Oppio che, insieme al Cispius e al Fagutal compongono il Colle Esquilino, il più alto ed esteso dei sette colli di Roma. La basilica dei SS. Silvestro e Martino ai Monti che si trova a pochi metri dalle imponenti rovine delle Terme di Traiano (e, per questo motivo, sui libri antichi conosciuta come “in thermis“), cela nei suoi sotterranei un’ampia struttura romana che viene fatta risalire al III secolo…

Leggi tutto Leggi tutto

Il Colombario di Pomponio Hylas

Il Colombario di Pomponio Hylas

Il Colombario di Pomponio Hylas Ci troviamo nel Parco degli Scipioni così chiamato in quanto vi si trova il Sepolcro degli Scipioni il primo e il più noto dei sepolcri costruiti in questa zona, a pochi passi da Porta Latina e a ridosso delle Mura Aureliane. Il Parco degli Scipioni si trova a cavallo tra le antiche Via Latina e la Via Appia , nelle propaggini meridionali del Celio. Nelle immediate vicinanze dell’ingresso al Parco si trova una costruzione ottagonale nota come San Giovanni…

Leggi tutto Leggi tutto

Porta Maggiore e il Sepolcro di Eurysace

Porta Maggiore e il Sepolcro di Eurysace

Porta Maggiore La Porta Maggiore (anticamente Porta Praenestina), si trova nell’omonima piazza, per la precisione separa Piazza di Porta Maggiore da Piazzale Labicano, in una zona conosciuta anticamente come “ad Spem Veterem” in ricordo di un antichissimo Tempio dedicato alla Dea Speranza edificato nel 477 a.C. da Orazio Pulvillo dopo un’importante vittoria sugli Etruschi, contrapposto a quello più moderno edificato nel 260 nel Foro Olitorio. In questa zona, all’esterno delle Mura Aureliane esisteva anche un grande recinto chiamato Vivarium dove…

Leggi tutto Leggi tutto

Porta S.Paolo (già Porta Ostiense)

Porta S.Paolo (già Porta Ostiense)

  Porta S.Paolo conosciuta al tempo degli antichi Romani come Porta Ostiensis, inserita nel settore a sud delle Mura Aureliane, è, insieme alla Porta Asinaria e alla Porta Appia (S.Sebastiano), una delle porte  meglio conservate della cinta muraria della città. A differenza della Porta Asinaria che all’inizio era una porta di secondaria importanza, quasi una posterula, la Porta S.Paolo (Porta Ostiense) rappresentò fin da subito una delle porte principali per importanza di traffico. Dalla Porta S.Paolo infatti passava la via che conduceva a Ostia da dove…

Leggi tutto Leggi tutto